Isabelle Autissier e il giro del mondo in barca a vela

Isabelle Autissier e il giro del mondo in barca a vela

Vi propongo in questo articolo una bella intervista a Isabelle Autissier (MorningFuture 24 giugno 2020), marinaia, navigatrice e scrittrice francese. In questa intervista, della durata di circa 9 minuti, la navigatrice risponde a sette domande sulla determinazione, la forza e il valore di una donna nella navigazione, nel mondo e in ambienti maggiormente dominati da uomini.

Lei però preferisce non dare peso alle differenze di genere. E anzi, parte proprio da qui:

“Il consiglio che credo sia giusto dare è che non bisogna pensarla così. Non bisogna mettersi nella posizione di chi è favorito, di chi è vittima, di chi non ce la fa. Voglio fare qualcosa? La faccio, punto e basta. Sono una persona con intelligenza, un essere umano e seguo i miei progetti. Sappiamo bene che le considerazioni sessiste sono ridicole; sappiamo che c’è chi dice “Le donne sono così, le donne sono colà”: di fronte a frasi così è meglio ridere. E quando ridiamo, vuol dire che la cosa non ci tocca. E quando non ci importa nulla del tutto, non dico che non vi siano più difficoltà, ma che le difficoltà saranno meglio sormontabili.”

I giovani

Ancora giovane viene incoraggiata dai genitori a frequentare le scuole superiori e poi lasciata libera di decidere cosa per lei fosse meglio. Questa libertà per Isabelle Autissier è stata una delle cose che l’hanno più aiutata.

Il suo consiglio ai giovani, ragazze o ragazzi che siano, è semplice ma spesso fuori dagli schemi attuali:

Abbiate dei sogni, intorno a voi ci sono molte cose, andatele a vedere, anche quelle che all’inizio vi sembrano essere poca cosa, provate, andatele a vedere. E poi individuate 2 o 3 argomenti che vi possono davvero interessare, e a partire da lì coltivate ambizioni, sogni. E per trasformare un sogno in realtà ritengo che occorra lavorare, vedere come fare, se servono ulteriori competenze per realizzare quel sogno.

Incoraggia quindi i giovani a esplorare: solo provando e conoscendo diverse cose la mente è libera di vagare e scegliere la strada più naturale. Ognuno di noi ha dei talenti ma spesso sono nascosti o sopiti e non riescono a emergere in superficie sotto forma di sogni o obiettivi. Una volta emerso il sogno, occorre rimboccarsi le maniche per realizzarlo.

Isabelle Autissier e il mare

Isabelle Autissier continua parlando del mare e della natura:

La natura non è a nostra disposizione, non ci appartiene. Non decidiamo noi per essa perché la natura, il mare, l’oceano, così come la terra, gli alberi, la vita sono arrivati prima di noi e resteranno dopo di noi. Se vogliamo avere una chance di riuscita, dobbiamo farlo insieme alla natura.

Secondo Isabelle questa emergenza è stata un allarme da non trascurare:

“Bisogna interpretarlo come un segnale d’allarme per cambiare i nostri metodi di produzione e di consumo. Dunque, bisogna smettere di pensare che la sola cosa che conta nell’economia sia il PIL.

Le pandemie sono sintomo di un pianeta al tracollo, che se non sarà capace di cambiare la sua mentalità e i suoi stili di vita, si troverà a fare i conti sempre più spesso con situazioni di emergenza di questa entità:

“La scienza ci ha dimostrato che le pandemie sempre più frequenti sono tutte dovute a una stessa causa e cioè che stiamo distruggendo la natura, come le foreste, prosciughiamo le aree umide… Con il bracconaggio, noi uccidiamo gli animali selvatici; creiamo strade e miniere in posti in cui l’uomo non era mai stato… e quindi accorciando le distanze fra il mondo selvaggio e il mondo degli umani, favoriamo ovviamente il passaggio dei virus e dei batteri da una comunità all’altra… E se torniamo a comportarci nello stesso modo di prima, soprattutto nelle nostre società sviluppate … non c’è dubbio che andremo incontro a una nuova pandemia, magari tra uno, due o tre anni, e poi a un’altra e un’altra ancora, e un giorno non potremo più fronteggiarle.”

Riflessioni

E tu quanto sei d’accordo con le affermazioni di Isabelle Autissier? I tuoi obiettivi sono in linea con i tuoi valori? Vuoi aumentare la tua consapevolezza? Contattami per un primo incontro gratuito.

L’intervista

A voi l’intervista integrale: in basso a destra si possono inserire i sottotitoli e scegliere la lingua italiana.

Condividi questo contenuto:

ANNA MOMBELLONI

Mental Trainer

Sono una Mental Trainer, life e business coach, Practitioner certificata in Neuro-Agility® con sede a Milano

Articoli recenti:

Torna in cima